Vasco Rossi …. senza parole… torna in vendita su ebay

Vasco Rossi senza parole…
Sarà perchè il pezzo è stata messo nella scaletta del concerto dell’ultimo tour, sarà perchè certe canzoni non passano mai di moda. In seguito a mesi e mesi di “latitanza”, riprende ad essere venduto nuovamente su Ebay uno degli album più richiesti dai collezionisti di Vasco Rossi: Senza Parole uscito nel 1994 con una sola canzone ed uscito in edizione numerata omaggiata ai soci del fan club ufficiale del Komandante, “Il Blasco”.

A casa di ognuno tra i fans iscritti arrivò una copia del disco nella sua custodia originale di cartoncino. Il pezzo non venne più pubblicato in nessun disco ufficiale fino all’uscita di Tracks nel 2002.

A causa di questa uscita limitata “senza parole” rappresenta uno dei cd promozionali più ricercati di Vasco Rossi (si prenda in considerazione anche il libro “Idea Vasco Rossi”), con quotazioni che possono raggiungere fino a  300-400 euro per una copia tenuta bene.
Sarà perchè rappresenta uno dei pezzi più belli del Blasco, sarà perchè è stato messo nella scaletta nell’ultimo tour, ma il disco da poco ritornato in vendita su Ebay.
Sicuramente Ebay il portale delle aste online più famoso al mondo sta trainando ancora la vendita del disco che sta riscuotendo un buon successo, con una quotazione accessibile (intorno ai 100 euro).

Ma gli utenti interessati ce ne sono tantissimi, se volete questo singolo per la vostra collezione correte a cercare tra le aste online di Ebay.

E va bene così… senza parole…

Vasco Rossi…senza parole…

Nel 1994 Vasco Rossi regala il singolo Senza Parole agli iscritti al suo fans club ufficiale.
In realtà vasco questa canzone l’ha donata a tutti noi che lo seguiamo da anni, che ridiamo, piangiamo ci esaltiamo, soffriamo, godiamo e mandiamo tutto all’aria ascoltando musiche e parole del Blasco… cantando con lui.
Non potrò mai dimenticare di quando… al termine della mia prima grande storia d’amore… la mia oramai ex-fidanzata, mi compagna di clesse dell’epoca, mi lascio scritti su di un quaderno questi semplici versi:

E ho guardato dentro un’emozione
e ci ho visto dentro tanto amore
che ho capito perché non si comanda al cuore.
E va bene così… senza parole… 

Erano i versi di una delle canzone che preferivo. Erano i versi di Vasco Rossi…
Sono stato delle settimane a rileggerli cercando di capire cosa significassero per lei… perchè ciò che significavano per me è sempre stato chiaro….
Devo essere sincero… son passati 13 anni da allora  e Senza Parole resta uno dei brani che amo di più i assoluto…
Non ho mai ben capito fino in fondo cosa lei volesse dirmi con quelle parole… ma non importa… io questi versi e questa canzone li amo sempre… sempre di più!!!
Non dimenticherò mai questa canzone allo stesso tempo piena di tristezza, di amore, di malinconia, di tenerezza e che alla fine mi lascia però dentro un grande senso di accettazione e di libertà…
Comnunque vadano le cose… anche in amore…

Va bene così… senza parole

Vasco Rossi curiosità su concerti ed esibizioni…

-Al Festival di Sanremo dell”82 quando gli cadde il microfono :
“Volevo imitare Mick Jagger – Vasco Rossi durante un intervista rilasciata al giornalista Vincenzo Mollica qualche anno dopo – e andarmene con disinvoltura come se fossi padrone del palco. Quando il microfono cadde che dovevo fare? Mica potevo girarmi a raccoglierlo, così ho continuato ad andare diritto”
-Nel 1995 Vasco Rossi si esibì in un concerto tenuto a Perugia Pro Kosovo.  Fu raccolta l’esigua cifra di cifra di 4.500 lire
Durante uno dei loro tour non avendo riempito lo stadio di San Siro Vasco fu invitato l’invito a dividere il  il palco con i Rolling Stone (1990) Ma il Blasco declinò l’invito.
-Maurizio Solieri durante un’intervista rilasciata nel 1996 aveva raccontato che Vasco rifiutò una partecipazione al Pavarotti and Friends, durante la quale doveva cantare Sally con al piano Elton John.
-Nel corso del “Nessun pericolo per te tour” nel concerto tenuto a Bienne (30 marzo 96), il compianto Massimo Riva attaccò il riff del brano iniziale “Un gran bel film”. Vasco Rossi si attarda, non compare sul palco. Riva, non vedendolo comparire, continuò fino all’arrivo del Blasco. Solo in seguito si sarebbe saputo che il rocker di Zocca era in bagno. Ma in realtà il riff “allungato” piacque così tanto che fu adattato per tutto il seguito del tour.
Vasco Rossi… senza parole…

Vasco Rossi senza parole…. gusti musicali & colleghi

Nel 1993 durante la presentazione dell’album Gli Spari Sopra Vasco Rossi aveva dichiarato:
“Io ascolto i Pearl Jam, i Red Hot Chili Peppers, i Nirvana, gli U2, ed ho riscoperto i Simple Minds; degli italiani penso che i Litfiba tengano alto il nome del nostro rock anche se non mi piace il loro modo di scrivere i testi. Ligabue è un bel talentone e farei attenzione ad un giovane che si chiama Marcello Pieri” 
Nei primi tempi che salì alla ribalta Gianluca Grignani ebbe a dire: 
“Gianluca Grignani è molto bravo; lui vorrebbe sentirsi dire qualche volta anche di essere bravo ma tutti dicono di lui solo che è bello. Invece a me adesso dicono che sono bravo ma vorrei sentirmi dire qualche volta anche che sono bello!”
Quando una volta gli chiesero di esprimere un parere su Zucchero Fornaciari Vasco Rossi dichiarò:
“Zucchero mi piace molto. E mi piace moltissimo la musica che fa…i testi…beh, per i testi gli darei anche una mano, se me lo chiedesse…”
Con Piero Pelù (leader dei Litfiba) ci sono stati diversi momenti di incomprensione.
Durante l’edizione del 1995 del “Vota La Voce ” nel momento in cui Vasco Rossi sta per salire sul palco, passando di fianco a Piero Pelù gli dice “ah ecco quello che mi vuole fare le scarpe”. Finita la sua esibizione il Blasco rientrando nel suo camerino incrociandolo di nuovo gli aveva urlato “Adesso hai capito chi è il numero 1!?”  Piero Pelù replicò “ma Vasco cos’hai? Stai Fuori”. Successivamente le loro strade si incrociarono al Festival Bar del 1999, qui pare che chiarirono si spiegarono ma poi Piero Pelù ebbe a dire “lui mi disse di aver capito, ma io ero convinto non avesse capito un cazzo”. In seguito si rincontrarono e pare che questa sia stato l’icontro definitivamente chiarificatore, tanto che da allora sono buoni amici.
Il brano scritto per Pino Scotto e Sabrina Salerno. Vasco Rossi scrisse una canzone per Sabrina Salerno che doveva essere eseguito in un duetto con Pino Scotto (Ex Vanadium) a Sanremo. Ma Scotto non accettò l’offerta.
Secondo un’intervista rilasciata da Massimo Riva a proposito di Donatella Rettore il Blasco disse: “Se la Rettore fa rock,noi facciamo twist”.

Simone Cristicchi fan di Vasco Rossi

Anche Simone Cristicchi fresco reduce del Festival di Sanremo è un fan di Vasco Rossi.
Nei giorni passati il cantante romano, salito alle luci della ribaltà qualche anno fa con il brano in cui con molta ironia diceva che voleva essere come Biagio Antonacci, si è precipitato nella redazione de “La Stampa” dove si stava tenendo la videochat del Blasco, per incontrarlo.
Ecco come Elena Lisa della redazione de La Stampa di Torino descrive quella mattina: “E un ospite illustre: Simone Cristicchi venuto apposta che avverte al cellulare la sorella: «Non immagini chi sto per incontrare». E poi una cantilena: «Vasco Rossi, Vasco Rossi…»”.
 Cristicchi ha poi rivelato: “Ho voluto incontrarlo perché sono un grande fan di Vasco Rossi anche se la mia musica è diversa. Incidere una cover? Non so se sarei davvero capace di cantare, lui è unico”.
Ecco un altro cantante famoso che adora il rocker di zocca e la sua musica.
…senza parole….

Vasco Rossi: Il nuovo album uscirà prima del previsto

Vasco Rossi è impegnatissimo con la tournèe che continua dalla scorsa estate, del VASCO EUROPEAN INDOOR TOUR, e tra una serata e l’altra, tra un concerto e l’altro (stasera, il 16, 17, 21, 22 aprile sarà al Palaisozaki di Torino) comincia a pensare alla produzione e all’uscita del prossimo album, che si preannuncia, come sempre molto, molto atteso da tutti i suoi milioni di fans.
Infatti durante una intervista realizzata da  Marinella Venagoni della Stampa, Vasco Rossi  dichiara che prima di quanto ci si potesse aspettare uscirà il suo nuovo album di inediti: “Uscirà più presto del previsto. Ho la testa lì, ma torno alle canzoni di prima in concerto. Ho un sacco di progetti, anche teatrali ma non li dico. La mia salute è perfetta, non sono depresso: magari a pezzi sì, ma li rimetto insieme e torno a cantare”.
E la favola del Blasco continua…

Vasco Rossi… striscioni ai suoi concerti

Striscioni ad ogni concerto di Vasco Rossi se ne vedono a decine.
Idee originali, provocazioni in pieno stile Blasco, frasi di alcune sue canzoni, frammenti di poesia. Ogni volta che andiamo a vederlo dal vivo l’emozione di leggere cosa hanno scritto gli altri fans è sempre nuova.
Abbiamo deciso così, in questo blog interamente dedicato al Blasco di selezionarne alcuni, quelli che ci sembravano più belli, più curiosi, più originali, quelli degni di nota, quelli che meritano di essere immortalati.
Chissà che leggendo un po’ di striscioni dedicati a Vasco Rossi a qualcuno di voi non venga un’idea nuova, un’idea da realizzare al prossimo concerto che andrete a vedere, alla prossima magnifica avventura di assistere ad un Live del cantautore di Zocca.
Qui di seguito vi riportiamo alcuni tra gli striscioni più belli visti nei concerti di Vasco Rossi:

demonio e santità è lo stesso…basta ke ci sia Vasco!!

Vasco, basta poco per farli incazzare, alza il volume e facci cantare

Vasco, nonostante la patente a punti…vado al massimo 

Leggi tutto “Vasco Rossi… striscioni ai suoi concerti”

Vasco Rossi non voleva pubblicare “Ogni volta”

Non tutti sanno che un po’ di anni fa quando Vasco, in uno di quei suoi momenti nei quali le canzoni, come i fiori, nascono da sole, scrisse Ogni Volta una delle canzoni più sentite da lui come dai suoi fans, aveva deciso, in un primo momento di non pubblicarla…di tenerla per sè. E non di certo per custodirla gelosamente, quanto perchè hanno confidato i suoi amici storici, il Blasco sosteneva che una canzone così intima, con un testo così profondo che infatti gli sarebbe valso il Premio Nazionale del Paroliere ’82, le persone, i suoi fans non l’avrebbero potuta comprendere e di sicuro non l’avrebbero apprezzata.
Sono passati 28 anni da allora e Ogni Volta resta uno dei numerosi evergreen che Vasco Rossi abbia scritto. Viene riproposta spesso nei concerti e riscuote sempre il tributo che merita dal popolo di Vasco che ne canta all’unisono i versi con il proprio idolo.
A volte la vita è davvero strana. Viene da chiedersi, chissà se non l’avessero convinto a pubblicarla? Chissà se ad ognuno di noi non mancasse un frammento di questa magnifica favola che è la vita caratterizzata dalla colonna sonora del Blasco.
Io personalmente ritengo Ogni Volta quel pezzo che chiunque di noi abbia mai scritto un testo e l’abbia poi musicato, avrebbe voluto comporre. Una canzone che permette dopo un momento no di sfogare tutto quanto uno abbia in corpo.
Grazie Vasco, grazie di cuore per le emozioni che ci regali… Aspettiamo di ascoltare altre Ogni Volta… aspettiamo che tu possa regalarci sempre nuove emozioni e momenti pieni!

Scaletta VASCO EUROPEAN INDOOR TOUR – 2009-2010

 
Abbiamo pensato di riportare nella nostra rubrica “vasco rossi senza parole” una sorpresa che di certo farà piacere a tutti i fans del Blasco:
Scaletta VASCO EUROPEAN INDOOR TOUR – 2009-2010
Inizio in grande stile con Un gran bel film e Cosa vuoi da me, quindi volume a manetta e chitarre ad alto volume.
Dopo di che Vasco ha ripescato brani del calibro di  Ieri Ho Sg. Mio Figlio, La Nostra Relazione e Ogni Volta. dopo il momento acustico in cui il Blasco si diletta a dialogare con il pubblico con alcuni brani (tra i quali Sally) con solo chitarra e voce, finale classico con  Senza Parole, Vita Spericolata, Canzone e Albachiara. Dei brani inediti dell’ultimo album il cantautore di Zocca ha deciso di inserire solo Ad ogni costo.
Ma ecco qui di seguito la Scaletta VASCO EUROPEAN INDOOR TOUR – 2009-2010: Leggi tutto “Scaletta VASCO EUROPEAN INDOOR TOUR – 2009-2010”

Vasco Rossi senza parole…

Vasco Rossi senza parole è la nuova rubrica che dedichiamo al Blasco della musica italiana, al poeta maledetto e benedetto dei nostri giorni, dei nostri anni, della nostra adolescenza, della nostra maturità o della nostra eterna giovinezza.
Il rocker di Zocca ha lasciato un segno permanente nella vita di ognuno di noi, alcuni tra i suoi milioni di fans, attraversando diverse generazioni e riuscendo a parlare con il cuore al cuore di tutti.
Personalmente la mia vita, il mio lavoro, i miei amori, le mie piccole vittorie e le mie piccole sconfitte hanno per colonna sonora una canzone di Vasco Rossi, poeta dello stomaco, capace di dire ciò che altri sentono con una semplicità a dir poco disarmante. E sembra, quando sono ad uno dei suoi concerti, che il tempo si fermi e che le differenze scompaiono, e di passare in rassegna tutti i momenti, ad uno ad uno, più importanti della mia esistenza… tutto come se fosse un gran bel film!
E basta poco, per essere catapultati in questo mondo fatto di musica, di note forti e di parole che penetrano nel nostro animo lasciando una traccia indelebile.
Abbiamo deciso di chiamare questa rubrica vasco rossi senza parole, perchè tante parole per descrivere la magia che evocano i versi del “Provocautore”, come egli stesso ama definirsi, non ce ne sono….
Vogliamo scrivere in questa rubrica le nostre impressioni, le nostre emozioni… e perchè no le vostre se volete essere così cortesi da inviarcele.
Vogliamo raccontare l’emozione di ritorno da un concerto, da uno show di vasco rossi, l’emozioni condivise con l’intero popolo di suoi fans, di ragazzi come noi dai 10 ai 60 anni che sentono la musica allo stesso modo.
questo è solo l’inizio… il bello deve ancora cominciare!!!
E allora…
Va bene così… senza parole