Concerti: Vasco Rossi torna con “L’altra metà del cielo”


Modenese, classe ’52 e un animo assolutamente brillante: è Vasco Rossi, una delle rockstar italiane più apprezzate del panorama musicale. Dopo un periodo di pausa, che il cantautore è stato costretto a ritagliarsi per via di seri problemi di salute, ecco che ora il suo inconfondibile animo rock vuol tornare a far ballare i suoi fans.

Tra i numerosi concerti che in quel di settembre si susseguiranno nella capitale lombarda, un ruolo preponderante lo giocherà proprio il Blasco nazionale ormai sempre più intenzionato a calcare nuovamente la scena.

Ecco quindi che dal 6 al 13 settembre Vasco Rossi terrà una serie di concerti proprio sul prestigioso palco della Scala di Milano (per maggiori info).

L’evento, conosciuto come “L’altra metà del cielo“, proporrà i brani più famosi partoriti dal genio modenese, quelli che hanno segnato la sua carriera trentennale e meglio rappresentato la sua proposta musicale.

In particolar modo lo spettacolo si concentrerà su parecchi pezzi che hanno voluto descrivere il mondo femminile, che lo hanno esaltato e raccontato nelle sue molteplici sfaccettature. Nel teatro meneghino vedranno così susseguirsi brani come “Albachiara”, “Silvia”, “Brava”, “Anima Fragile”, “Susanna”, “Jenny”, “Laura”, “Sally”, “Incredibile romantica”, “Brava Giulia”, “Un senso”, “Delusa” e “Gabri”.

A tutto questo farà da sfondo lo straordinario arrangiamento orchestrale di Celso Valli, uno dei più autorevoli e noti compositori della discografia italiana.

Ma con l’obiettivo di sviluppare anche l’aspetto meramente visivo dell’evento, per il concerto del Blasco nazionale è stata ingaggiata una compagnia di danza con oltre 20 ballerini e ballerine al suo seguito, pronta a cimentarsi sul palco della Scala e guidata dalla straordinaria competenza della coreografa Martha Clarke.

“L’altra metà del cielo” non è solo un’occasione utile per tornare ad ascoltare la voce di Vasco in una cornice assolutamente unica, ma rappresenta anche un’irripetibile opportunità per riflettere sulla profondità dei suoi testi e sulla sua concezione del mondo femminile.

Dietro quel timbro rauco e quell’aspetto da vera rockstar, in fondo, si sono sempre nascosti messaggi carichi di emotività e portatori di un impatto sociale alquanto evidente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *