Vasco Rossi vuol far chiudere Nonciclopedia, il popolo del web ribolle


Vasco Rossi ed il mondo di Internet, due mondi ancora un po’ distanti.
Il 2011 di Vasco rischia di diventare seriamente un anno memorabile nella sua già turbolenta biografia.

Non bastava la lite, vera o presunta con il Liga; non bastavano i suoi ricoveri nella clinica, letti ora in modo allarmistico ora in modi ben più leggeri; non bastava la scoperta di Facebook come veicolo di odio e malignità.

No, evidentemente per chi è abituato ad una vita spericolata tutto non poteva bastare; ed allora che t’inventa il Blasco, una denuncia al popolarissimo sito web Nonciclopedia.

Solo che, diversamente da altre volte, stavolta il popolo delle Rete non intende perdonare il Blasco visto, per una volta come un reazionario anziché come un rivoluzionario.
Tanti, tantissimi i messaggi di solidarietà per gli amministratori del sito. Gli internauti si sono scatenati come poco tempo fa sul tunnel della Gelmini, i social, compresa le pagine fan del Blasco, sono stati invasi da commenti indignati, in non rari casi anche duri, offensivi.

Un utente ha scritto: “una coppia ha usato una canzone di Vasco come sottofondo per il loro amplesso, l’avvocato di Vasco fa chiudere YouPorn… lei era brutta?”.

Un altro: “Chi non sa ridere di se stesso è morto al mondo”.

E ancora: “La tua pagina mi offende posso chiamare i miei avvocati per farti chiudere?”.

Un altro ancora: “Nel caso avessi voluto fugare ogni dubbio a chi nonostante i trent’anni di carriera a fare il pagliaccio qua e là ne aveva ancora ci sei riuscito eccome… tutto l’hanno capito ora che sei un gigantesco COGLIONAZZO!! cantante mediocre e persona infima… e se ritenevi che fossero tutte stupidate quelle su nonciclopedia non rompevi le balle, sarà che ti ci sei rivisto davvero?? ;)”.

Qualcun altro dice che su Nonciclopedia ci sono anche i Pink Floyd, solo che loro “non hanno tempo da perdere a fare le bizze come i bambini, e non hanno depressioni croniche che combaciano con la fine della carriera e la perdita di fama”.

No Vasco, il popolo del web questa cosa di Nonciclopedia non l’ha digerita molto.

Ma fa niente, noi ti vogliamo bene lo stesso.

Una risposta a “Vasco Rossi vuol far chiudere Nonciclopedia, il popolo del web ribolle”

  1. Anche se non son un fan di Vasco, son d’accordo sulla sua opinione su Nonciclopedia e sulla sua proposta di farla chiudere.
    Una volta, quando venne fondata, era veramenta la parodia di Wikipedia: frasi ingenue, umoristiche e assolutamente prive di qualsivoglia volgarità o frasi/detti trite e rifritte.
    Ora, è praticamente l’opposto: frasi volgari (sempre di seni e peni (usando termini “leggeri”) si parla), pagine assolutamente mancati di rispetto (come quella della Sara Scalzi) insulti e bestemmie che persino G.Mosconi impallidirebbe nel leggerle, utenti nuovi del sito che si vedono pesantemente insultati dallo staff solamente perchè han sbagliato a scrivere nella sezione errata e chiedono come fare per rimediare… e questo è il meno.
    Son convinto che quelli di Nonciclopedia si credano tanto grandiosi solamente perchè gestiscono un sito che prende in giro uno più serio ed istruttivo come Wikipedia, e che quindi si sentano liberi d’insultare e sfottere a loro piacimento.
    Spero proprio che un giorno, come desiderato da Vasco, Nonclopedia venga chiusa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *