Vasco Rossi sta bene, ma a Villalba stanno facendo un check up completo


Amici e fan del Blasco state tranquilli! Il nostro idolo non ha nessuna infezione al polmone.
Questo è quanto ha riferito Tania Sachs, la portavoce del rocker di Zocca, che ha voluto con queste parole tranquillizzare gli amanti di Vasco, ricoverato, come saprete in una clinica privata bolognese.
La stessa portavoce ha aggiunto che “Vasco sta bene, nel senso che ha una frattura alla costola e resta in clinica per seguire una terapia antidolorifica. Ne ha approfittato per fare un check-up completo, ma non c’è nessuna complicazione, nessuna infezione al polmone. Rischio scongiurato da tempo”.

Il giallo sulle presunte complicazioni è pertanto risolto? Noi crediamo di no, perché c’è e ci sarà sempre chi non crede ai comunicati ufficiali e fa della “dietrologia” una religione ed un diletto.
La stessa portavoce ha voluto precisare che non c’è stato nessun trasporto in ambulanza, e che Vasco Rossi era entrato in clinica la scorsa settimana per sottoporsi ad una semplice risonanza al polmone.

Il direttore sanitario di Villalba, Paolo Guelfi, riferisce che “Vasco Rossi prosegue gli accertamenti già programmati per completare il check-up.
Non sono  emersi al momento elementi di preoccupazione alcuna.
Vasco è tranquillo e sereno, il dolore è sotto controllo”.

Lo stesso Vasco è parso di buon’umore dal momento che sul suo profilo Facebook aveva postato un messaggio di questo tipo: “Ieri sono andato a mangiare una pizza… con l’ambulanza. Sto facendo degli esami… check up completo e appena ci sarà una diagnosi precisa vi verrà comunicata. Sono esclusi problemi seri o molto gravi. Si vuole capire il perché una costola si sia potuta rompere attraverso una forte pressione interna come una esplosione… Io immagino di entusiasmo… ma i medici vogliono vederci chiaro! Il dolore sta diminuendo e penso me ne andrò a casa la prossima settimana.
Grazie per l’affetto”.

Vasco Rossi ha peraltro aggiunto che sarà sicuramente presente il 5 Settembre alla Mostra di Venezia, laddove sarà presentato il documentario sulla sua vita; un documentario dall’eloquente titolo Questa storia qua .

Il Blasco ovviamente non si perderebbe l’evento per nulla al mondo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *