Giallo lite Blasco-Liga. Le diplomazie sono al lavoro


Se uno è di Zocca e l’altro di Correggio è abbastanza scontata che la cosa possa andare a finire a schifiu come avrebbe detto il mai troppo rimpianto e troppo apprezzato Franco Franchi.
E’ successo che sulla pagina ufficiale di Facebook del Blasco sono apparse una ridda di accuse e contraccuse, scuse ufficiali e precisazioni non precisate bene.
La nota sul popolare social blu di Mark Zuckerberg apriva con un curioso titolo: “Ho inaugurato la stagione del parliamoci chiaro e del parliamoci forte”, nota firmata Vasco, si proseguiva poi con: “Caro Liga, quando avrai scritto anche tu quasi duecento canzoni e avrai pubblicato sedici album inediti potrai essere messo sul mio stesso piano.
Devi mangiare ancora un po’ di polenta prima di poterti confrontare con me”, e poi “l’unica sfida che accetto è un duello all’ultimo s-a-ound, la mattina all’alba, dietro il convento delle Carmelitane Scalze. Lascio a te la scelta delle armi. Ricorda che io sparo solo al cuore”.
I fan del Blasco e quelli del Liga per un po’ si sono scambiati regalini verbali sinchè non sono entrate in pista le diplomazie impersonate da Tania Sachs e Riccardo Vitanza, la responsabile dell’ufficio stampa del Blasco e il responsabile delle comunicazioni di Ligabue.

La Sachs quale ha riferito che “E’ comparso improvvisamente un post che secondo noi non è stato scritto da Vasco ed è quindi erroneamente attribuito a lui. Non sono parole nel suo stile, non è da lui. (…) Riteniamo sia qualcuno che ha voluto fare uno scherzo a tutti e due, anche se ancora non abbiamo scoperto chi è stato”. L’altra parte non ha voluto cedere del tutto affermando che “Solo l’amministratore di una pagina ufficiale di Facebook può pubblicare una nota”. Il 3 giugno 2010, Vasco Rossi dichiarò che gli amministratori della sua pagina ufficiale su Facebook era tre persone: lui, una certa Valeria della redazione del sito e un tal Niko della EMI” Pertanto la ricerca del colpevole è molto limitata. A presto amici del Blasco per le ultime indagini sul giallo Blasco-Liga.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *