Vasco Rossi e Marcello Veneziani. Botta e risposta


L’ultimo lavoro di Vasco Rossi va a gonfie vele e quella che è, per certi versi, una sua versione femminile, ossia la rocker Gianna Nannini, sorella del Nannini che correva e rivaleggiava in Formula Uno con Prost, Senna e Alboreto, vorrebbe duettare con lui.
Non sarebbe una cattiva idea per due delle rockstar (massì lasciamoci andare e chiamiamoli come meritano: Rockstar) italiane più amate.
Solo che ci sono, e meno male altrimenti sai che conformismo, delle persone che dissentono dal Blasco di Zocca.
Recentemente l’intellettuale Marcello Veneziani pare abbia additato il popolare rocker come profeta del nichilismo, capace di vita spericolata, droga, vita spensierata, ma vuota di senso.
Vasco ha replicato di suo pugno su Il Giornale. Vediamo parte della replica.

“Io non sono un modello negativo. Io amo la vita. Ho 59 anni suonati. Le sembro uno che ha buttato via la propria vita bruciandola senza un`ombra di regole in confusione mentale, senza principi o etiche in totale e perenne preda di passioni? Vuole vedere le mie analisi del sangue dove i valori del mio fegato sono quelli di un bambino? Lei sa che ho una compagna con cui vivo da venticinque anni e con lei ho costruito una famiglia? Ho un figlio splendido. Sa che mantenere in piedi un rapporto, un progetto, un matrimonio, un patto costa molti sacrifici? Costa ad esempio non permettere di lasciarsi innamorare di un`altra persona”.

Il filosofo con molta probabilità replicherà, ma forse tra i due esiste solo un semplice problema di comunicazione; spesso infatti filosofi e cantanti si trovano a cercare di dare delle risposte alle stesse domande. L’approccio è giocoforza diverso, ma non per questo devono esserle necessariamente le conclusioni.
A presto seguaci del Blasco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *