Vasco Rossi San Siro


Vasco Rossi e San Siro. «Chi è la star, io o lui?, mi chiedo ogni volta che ho la fortuna di suonare nel magico catino. Anni fa non riuscivo ad abituarmi all’idea che venissero per me. Pensavo fossero lì per calpestare l’erba del campo del Milan e dell’Inter. Ancora adesso non ho certezza su chi dei due è più star, se io o lo Stadio».

Questa confessione di Vasco Rossi sintetizza il rapporto tra la star e il magnifico stadio, che trasmette emozioni fortissime non solo al grande pubblico ma anche alla rock star.

Tuttavia ogni volta che Vasco deve esibirsi in concerto a San Siro viene emessa un’ordinanza del comune di Milano che fissa una soglia di massimo 80 decibel (praticamente uno scrosciante applauso rinvigorito da qualche urletto può riuscire a sovrastare la musica). Sono comprensibili i problemi di inquinamento acustico ma non si può chiedere ad un concerto di non essere troppo rumoroso. Non è credibile un Vasco Rossi che va in scena in sordina.

Non gridate troppo, non cantate ad alta voce, non esibitevi in super applausi, altrimenti non sentirete nulla!!!

Lo stadio contiene 70mila persone e non quattro gatti. Per questo bisognerà ribellarsi, presentando una lettera al Comitato San Siro Vivibile per consentire un concerto ‘ascoltabile’ e degno di tale definizione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *