Vasco Rossi a Londra (che rifiutava il nostro rock) sbanca!


Vasco Rossi a Londra ieri davanti a 9.000 spettatori ha fatto vibrare le pareti dell’Hammersmith Apollo Theatre grazie al suo rock.
Insomma adesso possiamo dirlo: missione Londra compiuta per il Blasco ed il suo clan.
Vasco Rossi… senza parole….
Quando gli hanno chiesto come mai non c’era riuscito prima il rocker di Zocca aveva replicato «Come a Bob Dylan è vietato suonare in Cina, anche a me per 20 anni è stata negata Londra. Una volta addirittura mi dissero che se non avevo il permesso di soggiorno mi avrebbero considerato un clandestino. »
In seguito Vasco ha ricordato come passato, negli Stati Uniti hanno addirittura censurato il video “Gli spari sopra”. Le motivazioni? Secondo il Blasco si tratta di uno uno dei molti”regali” lasciati dagli Usa dopo la Seconda guerra mondiale con il chiaro intento di favorire l’importazione della musica anglosassone e scoraggiare l’esportazione all’estero di quella nostrana.
Insomma è una bella soddisfazione aver fatto il tutto esaurito non solo in Italia ma anche a Londra, una delle capitali mondiali del Rock.
Intanto tra le tante domande che gli sono state rivolte durante le interviste ce n’è stata una che ha mostrato ancora di più l’autenticità di Vasco Rossi ed è stato quando gli hanno chiesto se c’è stata una donna che più delle altre lo ha fatto soffrire e gli ha procurato dolore.
Il Blasco in maniera sincera e spontanea ha risposto: «Eccome se c’è, Paola Panzacchi. Una storia che risale a quando avevo vent’anni: mi ha distrutto. Le ho dedicato diverse canzoni: “Incredibile romantica” (“sei un’inguaribile romantica, un po’ isterica, però simpatica, certo unica…”). Ma ero ancora tenero nei suoi confronti. In seguito composi “Brava” (“sei riuscita a farmi credere che tu fossi pulita, mentre in realtà giocavi solamente, spero che ti sia divertita…”). Poi la liberazione con “Io no” (“quando penso come alla fine mi hai ridotto tu… quando penso a come mi hai preso in giro…”) con tanto di finale più che esplicito: “Io no, io no, io no, io non ti perdonerò”». Preceduto però da altre due confessioni: «Io non ti lascerò mai… Io non ti dimenticherò».

4 risposte a “Vasco Rossi a Londra (che rifiutava il nostro rock) sbanca!”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *